Sesso in auto, può costare 3 anni di carcere se non si coprono i vetri

L’ennesima sentenza della Corte di Cassazione non lascia scampo a margini d’errore (o di passione…). Fare sesso in auto senza coprire i vetri comporta fino a 3 anni di prigione. Per la suprema corte, dunque, intrattenersi nel proprio veicolo in incontri molto personali, anche di notte o in luoghi isolati, √® pi√π grave che commettere un furto d’auto o svaligiare un’abitazione.

La sentenza, comunque, toglie ogni dubbio sul fatto che sia (addirittura) quello penale il codice su cui ci si deve basare per giudicare i reprobi, pi√π o meno confessi e -spesso- colti inequivocabilmente sul fatto.

Ecco la motivazione: “Praticare attivit√† sessuale che comporti qualsiasi tipo di nudit√†, √® di per se da considerarsi un offesa al pudore ed alla pubblica decenza in qualsiasi condizione, anche se si √® in luoghi isolati e non illuminati, in quanto sono sempre da considerare luoghi pubblici, e quindi fruibili da tutti i cittadini, bambini e minorenni compresi”.

La corte di piazza Cavour si è pronunciata in seguito al ricorso presentato da una giovane coppia toscana, che era stata sorpresa mentre consumava un rapporto completo nel parcheggio di una discoteca alle 3 di notte, quando tutti dormivano tranne la pattuglia dei Carabinieri che li ha notati. Ora i due potrebbero rischiare una condanna più severa rispetto al mese di carcere patteggiato in primo grado e si ritroverebbero con la fedina penale sporca.

Motori.it



Altre Notizie