Nuova Opel Meriva 1.4, porte ad armadio e ampio spazio interno

Esiste un modo infallibile, nella vita, per farsi notare: fare le cose alla rovescia. E quando un costruttore di automobili sta per lanciare una nuova monovolume compatta, di farsi notare ne ha un bisogno disperato. Perché in una categoria dominata dalla più piatta convenzionalità o esci dal coro o nessuno ti fila.

Ed eccola quassù, la “cosa alla rovescia” della Meriva 2: le porte posteriori controvento, dimenticate dopo l’ultima Lancia Appia (!), sdoganate in tempi moderni dalla Rolls- Royce Phantom e ora portate sulla bocca — e alla portata — di tutti da un’automobile da famiglia. La prima Meriva era una onesta lavoratrice: la nuova è “ quella con le porte alla rovescia”, formidabile arma di comunicazione per cui anche chi ha difficoltà a distinguere una Panda da una Porsche ha già imparato a riconoscerla.

Al di là dell’azzeccatissimo effetto mediatico, le porte ad armadio ( Flex Doors, nel vocabolario Opel) si trascinano in dote funzionalità a pacchi. Soprattutto un’accessibilità mostruosamente migliore rispetto alle aperture convenzionali: tutta un’altra cosa allestire il pargolo sul seggiolino, e anche i nonni un po’ meno fluidi nei movimenti ringrazieranno per il generoso angolo di apertura ( peraltro comune alle porte anteriori) e il maniglione sul montante. Permane tuttavia qualche dubbio quand’è ora di uscire da un parcheggio a pettine ( ci vuole spazio e bisogna evitare di scendere in contemporanea con chi sta davanti) e sulla visibilità di pedoni e ciclisti da parte di chi apre le porte dietro.

Dentro, la versatilità di cui già la Meriva 1 non faceva difetto è sottolineata da una serie di dispositivi chiamati Flex- e- qualcos’altro: FlexSpace è il “ solito” divano posteriore che da tre sedili affiancati si trasforma in un due posti per avere più spazio alle spalle e ai gomiti, Flex Rail il bracciolone anteriore che scorre fin dietro su binari, Flex Floor il piano di carico su due livelli. Sempre con un mix di coreografia e praticità.

Fonte: Auto.it



Altre Notizie