GP Corea, la Red Bull di Vettel in pole position. Terzo posto per Alonso

La prima fila del GP di Corea potrebbe risultare equivalente al terzetto che resterà a contendersi il titolo dopo la conclusione della gara: con un fantastico giro di qualifica nel terzo settore Sebastian Vettel ha conquistato la sua nona pole della stagione.

FELICITA’¬†‚Äî ‚ÄúSono davvero contento ‚Äì commenta il tedesco della Red Bull – soprattutto dopo che nelle libere di ieri non era andata tanto bene. Avevamo provato qualcosa che non ha funzionato a dovere. √à stata davvero dura, proprio all‚Äôultimo istante. Avevo due tentativi: nel primo ho perso qualcosa nei primo settore, nel secondo invece ho cominciato meglio: in rettilineo c‚Äô√® poco da fare, bisogna solo spingere al massimo, ma bisognava trovare il punto di frenata giusto. Quando sono cominciate le curve, dove si pu√≤ guadagnare molto, ma anche commettere errori, all‚Äôinizio sono stato un po‚Äô troppo prudente. Ma poi ci ho dato dentro e ha fuzionato‚Äù. Un‚Äôaltra doppietta come a Suzuka, dove alla pole √® seguita la vittoria? Sebastian √® prudente: ‚ÄúOgni corsa va presa come viene. In Giappone √® stato bello, ma adesso siamo in Corea. Oggi sono molto contento, con le difficolt√† che avevo avuto nelle libere. Ho girato poco su una pista nuova, non avevo trovato il ritmo e anche oggi prima della qualifica ho risparmiato la macchina. Dovevo avere fiducia nel miei mezzi e restare calmo. Quindi, per adesso, sono contento cos√¨‚Äù.

COPPIA MASSIMA — Dietro di lui, anche stavolta, come a Suzuka il compagno di squadra e leader della classifica Mark Webber, non proprio brillantissimo al primo tentativo: “Certo, la pole sarebbe stata più bella Рsi consola l’australiano – ma la seconda è comunque una buona posizione, posso fare ancora bene, sono in grado di ottenere un buon risultato. D’altra parte il distacco da Sebastian è stato minimo, quindi oggi tutto è andato secondo i piani. Il mio primo tentativo di fare il tempo con le morbide non è andato al meglio, il secondo giro è stato migliore, pensavo fosse abbastanza per la pole ma non lo è stato”. Anche Webber si dichiara fiducioso sull’esito del GP: “Sapevamo che sarebbe stata una battaglia dura e lo sarà di sicuro, quindi partire in prima fila non è male. Sono pronto per domani”. La sua Red Bull monta l’ultimo motore nuovo concesso dal regolamento, l’ottavo, ma per Mark la cosa non fa molta differenza.

ALONSO FIDUCIOSO — Nonostante sia rimasto il più veloce quasi fino alla fine della qualfica, Fernando Alonso non si rammarica più di tanto del terzo posto in griglia: “Per noi è stata una buona qualifica – commenta il pilota della Ferrari – siamo stati più veloci di quanto pensassimo. Sapevamo che le Red Bull nella parte finale avrebbero potuto spingere molto e non avevamo aspettative troppo grandi nella lotta per la pole. Il terzo posto è il massimo che oggi potevamo ottenere. È una cosa buona, perché la qualifica normalmente non è un nostro punto di forza. Siamo vicini alle Red Bull e questo promette bene per la gara”. Lo spagnolo sottolinea che adesso, per lui, la priorità è finire il GP, per poter mantenere intatte le sue possibilità di restare in lizza per il titolo: ”C’è anche l’incognita della pioggia, specialmente di mattina. Devo restare calmo e terminare la gara. Forse domani tutti noi cinque la finiremo, e io non posso essere uno di quelli che non la finiranno. Ho bisogno di fare punti in ogni gran premio e sono sicuro che se ce la farò sarò molto felice”. Quanto alle possibilità di poter sorpassare le Red Bull, lo spagnolo sembra cautamente ottimista: “Dovremo vedere. Ci sono circuiti che sulla carta mostrano punti dove si può sorpassare e poi si vedono corse dove farlo davvero è difficile o impossibile. Qui sembra ci siano almeno due o tre punti per riuscirci”.

Fonte: Gazzetta.it

Tags:



Altre Notizie