CONDIVIDI

Uno dei più bei tracciati del mondo. Imola, teatro della presentazione della rinnovata Ducati 848 denominata EVO, è questo e molto di più. Una pista tecnica, veloce, impegnativa, che non lascia respiro. E affrontarla in sella a una media sportiva di razza regala un gusto impagabile.

Perché la 848 è… questo e molto di più! Specie ora che ha guadagnato un pizzico di cattiveria che la rende ancora più appetibile e soddisfacente nella guida in pista.

Ma cos’√® quel qualcosa in pi√π? Semplice: pi√π CV e un allungo maggiore per il motore. Per la ciclistica sono stati introdotti invece una nuova coppia di pinze monoblocco Brembo e l’ammortizzatore di sterzo.

Le novità più succose e importanti rimangono comunque quelle apportate al twin di 849 cc per il quale vengono dichiarati 140 CV a 10.500 giri (sei in più di quelli della precedente versione) e 10 kgm di coppia massima (contro i 9,8 precedenti). Inoltre, il limitatore in questa versione EVO taglia a 11.300 giri.

Come si √® arrivati a tanto? Gli interventi maggiori sono a livello di testata: i pistoni sono nuovi e il cielo della camera di combustione √® stato ridisegnato per diminuire lo squish e quindi ottenere un rapporto di compressione pi√π elevato (da 12,0:1 si √® passati a 13,2:1). Importante anche il lavoro sul sistema di distribuzione con l’introduzione di nuovi alberi a camme caratterizzati da leggi di alzata pi√π spinte: le valvole di aspirazione si aprono ora di 13 mm contro gli 11.5 mm della 848 (quelle di scarico passano da 10,7 mm a 11,6 mm). La maggiore efficienza in termini di combustione ha reso necessario modificare anche il sistema di alimentazione: i corpi farfallati ovali sono passati da una sezione equivalente di 56 mm di diametro a 60. Anche i condotti di aspirazione e di scarico sono stati ridisegnati per una maggiore efficienza. E i risultati nella guida si sentono, nel bene e‚Ķ nel male.

La 848 è la sportiva dal volto umano: una moto che graffia senza spaventare, che va forte senza imbarazzare anche il pilota meno esperto. Una sportiva che consigliamo: perché con essa è facile andare forte, acquisire un bel ritmo e in fin dei conti divertirsi.

Come tutte le Ducati √® una moto di carattere, che va condotta con piglio deciso, da indirizzare con convinzione in curva e piegata alle proprie esigenze nei cambi di traiettoria. La EVO ripaga con tanta stabilit√† e precisione, regalando al pilota un avantreno che traccia linee precise al millimetro e pieghe da primato. L’impegno psicofisico non √® trascurabile, cos√¨ come non √® un animale da portare a passeggio.

Ma con l’italiana questo non √® una novit√† ed √® un dazio che si paga volentieri. Specie ora che ha pi√π birra agli alti e un allungo che permette di insistere qualche attimo in pi√π prima di passare al rapporto superiore. Affermare che la differenza tra il modello precedente e questa EVO √® evidente e netta sarebbe azzardato: certo √® che all’occorrenza quella manciata di giri in pi√π prima del limitatore in molti casi √® utile, specie se in pista permette di risparmiare una cambiata tra una curva e l’altra. Ai medi questa moto rimane estremamente corposa, mentre un appunto va alla spinta e alla regolarit√† di funzionamento ai regimi pi√π bassi dove qualche limite in effetti c’√®. √à tipico dei twin bolognesi e poi si sa, √® il solito problema della coperta corta: se si guadagna da un lato, si perde dall’altro.

Nulla da eccepire invece sull’altra grande novit√† di questa media, l’impianto frenante: le bellissime pinze monoblocco Brembo offrono tanta potenza in pi√π e pretendono uno sforzo minore a parit√† di potere decelerante.

Se la 848 EVO rientra nelle vostre fantasie sappiate che è disponibile in bianco e rosso a un prezzo di 14.250 euro c.i.m., oppure in livrea dark a 13.500 euro