Sebastian Vettel: “Power unit Mercedes più potente”

Pit stop di Sebastian Vettel (Getty Images)

Ferrari e Sebastian Vettel chiudono la prima parte del Mondiale F1 2017 in vetta, ma il trend negativo nelle ultime due gare semina dubbi sul proseguimento di stagione. Dopo la debalce di Silverstone il tedesco ha un solo punto di vantaggio sulla Mercedes di Hamilton, adesso tutto è tornato alla pari, tutto in discussione.

Poteva essere un meritato quarto posto per Seb in Gran Bretagna, ma il problema alle gomme a due giri dal traguardo ha rovinato tutto. Sei punti buttati al vento, ma dimostrano che al box di Maranello resta molto da fare. Silverstone è stata la peggior gara stagionale per Sebastian Vettel e sin dalla partenza ci sono stati presagi malevoli. Sulla griglia di partenza la SF70H del leader ha cacciato fumo bianco dal posteriore, quasi un principio d’incendio. “I freni hanno preso fuoco”, ha detto il pilota Ferrari. Della causa del fumo nulla si sa: “Non so se la vettura è stata danneggiata ma non penso sia così”.

I freni si sarebbero scaldati troppo nel giro di warm-up, ma nell’attesa del verde si sarebbero raffreddati abbastanza per garantirgli la quarta posizione. Il sorpasso di Verstappen ha fatto subito intendere che sarebbe stato un Gran Premio tutto in salita. “E’ stato difficile, ho provato di tutto”, ha ammesso Vettel sul duello con Max. “Tutto molto bello, ma non ci ha portato nulla”.

Problemi non solo alla partenza, ma già nei gironi prima. Mercedes è ancora superiore sul giro secco, quindi nelle qualifiche. “Sappiamo che le Mercedes sono in grado di aumentare la potenza della loro power unit – ha proseguito Sebastian Vettel –, abbiamo visto un guadagno sui rettilinei dai tre ai sette decimi. A Baku, per esempio, erano sette, in Austria mezzo secondo. Dobbiamo essere onesti, è un settore su cui stiamo lavorando. Ma non è un divario che si annulla in un giorno”.

Altre Notizie