Lucio Cecchinello: “Mi piacerebbe rivedere Jack Miller”

Lucio Cecchinello (©Getty Images)

Lucio Cecchinello attraverso il suo profilo Facebook ha voluto rispondere ad alcune domande postegli dagli utenti. Tanti quesiti soprattutto sul futuro di Crutchlow, che a 31 anni, dopo 6 stagioni di MotoGP e i 2 successi (i primi della sua carriera) ottenuti nell’ultima annata potrebbe diventare incredibilmente un uomo mercato. Subito arriva in merito la risposta del manager veneziano: “Se Cal decideva di lasciarci mi sarebbe piaciuto riavere Jack Miller. Sarebbe stato bello, ma ora è complicato perché lui corre con un’altra moto”.

Miller arriva dalla prima vittoria in carriera conseguita nell’università del motociclismo mondiale, ad Assen. Il pilota australiano è stato nel team CWM LCR Honda nel 2015 non riuscendo però a mettere a segno risultati degni di nota. A fine annata, infatti, il bilancio parlava di 17 punti conquistati e un malinconico 19° posto nella classifica piloti.

Lucio Cecchinello: “Mi piacerebbe avere Crutchlow sino a fine carriera”

Cecchinello però sembra voler continuare a lavorare con Crutchlow: “Spero che Cal continui a lavorare con noi per molti anni e magari possa chiudere la carriera proprio qui. La moto che guiderà Crutchlow sarà al 95% quella che guiderà anche Marquez. Avrà lo stesso motore, la medesima elettronica, stesse gomme, freni e tante altre cose. Sicuramente Marc chiede cose molto più specifiche e prova prima il nuovo materiale visto che è il campione in carica”.

Cecchinello ha cominciato la sua carriera nel Motomondiale come pilota in 125 nel ’93. Ha deciso di ritirarsi dalle scene alla fine del 2003, quando riuscì a coronare il suo sogno di vincere il Gran Premio d’Italia. Lascia la sella della moto dopo 10 anni di 125, 19 podi, 7 vittorie e 2 quarti posti nel mondiale piloti nel 2001 e nel 2002.

Diventato dirigente del team LCR ha conquistato diversi buoni risultati, con il miglior piazzamento stagionale ottenuto nel 2013, quando con Bradl come pilota la squadra raggiunse il 6° posto nel mondiale. Cecchinello ha avuto anche il pregio di portare in MotoGP il futuro campione del mondo Casey Stoner.

Antonio Russo

Tags:

Altre Notizie